Il workshop
La fotografia all’infrarosso ha un che di magico: ci permette di andare oltre i limiti dell’occhio umano, per sondare un mondo che solitamente ci è precluso. La macchina fotografica diventa quindi tramite per luoghi misteriosi quanto affascinanti, sui difficili sentieri della luce oltre la luce.
Ma come funziona? La radiazione infrarossa è una radiazione elettromagnetica non visibile compresa nelle lunghezze d’onda da 700nm a 1mm.
In questo workshop ci occuperemo della ripresa infrarosso in bianco e nero, tralasciando quella “a falsi colori”.
Saranno a disposizione dei corsisti delle reflex appositamente attrezzate per la fotografia all'infrarosso.

Con Claudio Schincariol e Andrea Armellin
Prossima edizione: 2015
La fotografia all’infrarosso tenta di registrare questa forma di energia rendendola visibile attraverso i moderni mezzi digitali, ovvero moderne reflex adattate a questo scopo. Una reflex “normale” non permette infatti di registrare la radiazione infrarossa a causa di un filtro che solitamente è posto direttamente sul sensore, la cui rimozione spesso è permanente.



Documentazione:
Le precedenti edizioni: aprile 2012
Ancora dubbi? Scrivici!



Approndimenti:
Claudio Schincariol, fotografo professionista dal 1982, titolare di “fotostudioPATOS”, è uno dei maggiori esperti italiani in materia. Autodidatta, fotografa all’infrarosso dagli anni 90, dopo aver conosciuto Frank Dituri ed essere rimasto affascinato dalla sua fotografia.
Ha sviluppato la materia a partire dalla pellicola piana fino ai moderni mezzi digitali. Tiene convegni e realizza mostre in tutta Italia, ha collaborato con il FIOF (Orvieto Fotografia) per diversi anni, dove ha tenuto workshop per fotografi professionisti.
Info:
www.fotografiainfrarosso.it