CONCORSI. O FURBERIE?

nascimben_490
“Il partecipante, per tutte le foto candidate, concede agli organizzatori i diritti d’uso, anche in modo non esclusivo, irrevocabili e a tempo indeterminato.” Continua...
Comments

F4: CINQUE MOSTRE PER DUE SEDI

15922-f4-lancio_490
Cresce “F4, un’idea di fotografia”.
Per la sua seconda edizione il festival di fotografia moderna e contemporanea organizzato dalla Fondazione Francesco Fabbri di Pieve di Soligo si regala una seconda sede: oltre a quella già consolidata di Villa Brandolini a Solighetto ecco aggiungersi la più blasonata Casa dei Carraresi, a Treviso. Sette le mostre in gioco.
Continua...
Comments

VI PIACCIONO LE VILLE VENETE? RINGRAZIATE MAZZOTTI

villa_1_490
Le Ville Venete sono oggi Patrimonio dell’Unesco, uno dei quarantasette siti italiani inseriti nella prestigiosa lista: siamo il Paese che ne ha di più al mondo.

Ma la loro è stata una storia travagliata. Dopo i fasti antichi, fra le due Guerre Mondiali il loro destino sembrava segnato e avviato a una morte ingloriosa, nella noncuranza generale. Che cosa è successo allora per portarle nel 1994 sotto la protezione dell’Unesco? Continua...
Comments

FOTOGRAFIA E MEMORIA

IMG_4188
Giulio Marino, Veduta del fiume Meschio dalla stradina di Santa Giustina; Vittorio Veneto; 1940, ante; FAST, Fondo Giulio Marino; Positivo, b/n, gelatina ai sali d’argento, carta

Forse l’avete già fatto, forse no. Forse non ve ne importa nulla, o forse non ci avete mai pensato. E allora ve lo “propongo” io.
Si tratta di giocare fotograficamente con la memoria. O meglio, parliamo di una memoria “fotografica” da ripetere, una caccia al tesoro che può dare molte soddisfazioni.
Il gioco è semplice: basta prendere una vecchia fotografia di paesaggio e provare a ripetere quello scatto. Senza sapere che tipo di attrezzatura è stata utilizzata, senza sapere di preciso dove è stata fatta, o chi l’ha fatta. Tutto qui. Continua...
Comments

INSTAGRAM, TRA FOTOGRAFIA E DIVERTIMENTO

pergiove_600ufo_600

Com’è nata la vostra passione per la fotografia?
Immagino che il divertimento possa essere stata una componente importante.
Per me è stato così.

Poi magari col passare del tempo, e con più consapevolezza del processo da adottare per arrivare allo scatto voluto, il divertimento rischia di passare in secondo piano. Prima vengono pianificazione, preparazione del soggetto, studio e disposizione della luce o del momento giusto per coglierla al meglio…
Per fortuna c’è uno strumento che (nel mio caso) ha rimesso il piacere dell’atto fotografico in cima a tutto.
Continua...
Comments